Durante i lavori di riqualificazione di via Sparano, questa mattina sono stati ritrovati alcuni resti ossei umani a soli 4 metri di distanza dal luogo del ritrovamento di qualche giorno fa, nei pressi di Palazzo Micuzzi. Durante gli scavi in superficie, è emersa infatti la sepoltura funeraria di uno scheletro umano.

Come concordato nei giorni scorsi con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio in occasione del precedente episodio, l’area è stata recintata e coperta con pannelli bianchi. Le operazioni relative al cantiere procederanno, sempre sotto la supervisione della Soprintendenza, attraverso scavi di tipo manuale, al fine di evitare il danneggiamento di eventuali altri ritrovamenti.

Per la determinazione del periodo storico ascrivibile ai resti ritrovati, bisognerà attendere gli studi degli antropologi incaricati di seguire le attività di cantiere e, così come avvenuto per i precedenti ritrovamenti, i risultati saranno resi noti al termine della campagna di indagine e degli scavi archeologici.

“Il cantiere non si ferma – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso -. I lavori stanno procedendo su due isolati contigui, quello relativo al salotto Liberty, tra via Putignani e Principe Amedeo, e quello che interessa il Salotto letterario tra via Principe Amedeo e via Dante. Le maestranze sono alle prese con i getti di calcestruzzo, le movimentazioni di materiali con i bobcat, l’esecuzione della pavimentazione e con la cantierizzazione dell’altro isolato contiguo, che fortunatamente non ha riservato alcuna sorpresa”.

“Allo stato attuale, non vi sarà alcun ritardo rispetto al cronoprogramma degli interventi, visto che proseguiremo con la riqualificazione di due isolati contemporaneamente. Una scelta strategica e funzionale, condivisa con l’impresa – ha concluso – che consente comunque alle numerose maestranze presenti in cantiere di poter lavorare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here