Quattro delle ex corsiste di Francesco Bellomo, l’ex giudice del Consiglio di Stato destituito nei giorni scorsi dalla magistratura, sono state ascoltate dalla Procura di Bari nell’ambito dell‘indagine per estorsione a carico dell’ex magistrato.

Alcune di loro, secondo i racconti, avrebbero confermato di aver subito minacce per firmare un contratto in cambio di una borsa di studio per seguire il suo corso di magistratura e di essersi rifiutate, altre avrebbero invece negato di aver subito minacce, ma almeno una di loro, a quanto si apprende, ha comunque firmato.

Il contratto, come è stato raccontato dalle corsiste, prevedeva un codice di comportamento con tanto di dress code, mini gonne e tacchi. Il rifiuto delle ragazze sarebbe costato loro l’allontanamento dal corso. Nelle prossime settimane la Procura convocherà altre ex corsiste baresi.