Quasi cento giorni tra letto di ospedale e riabilitazione forzata, tutto per un colpo da 1800 euro. Filippo Solazzo, 75 anni, è l’anziano di Acquaviva delle Fonti che lo scorso luglio è stato brutalmente aggredito per portargli via i soldi appena prelevati dalla posta.

Un giorno che Filippo difficilmente dimenticherà. I soldi che dovevano servire per rivestire la lapide del figlio appena morto, sono finiti nelle mani dei malintenzionati che non si sono fatti scrupoli nel spingerlo e nel rompergli il femore.

Dopo la grande paura, per Filippo è iniziato un vero e proprio calvario tra gli ospedali per cercare di recuperare la propria autonomia motoria: 22 giorni di ricovero al Miulli, necessari per una delicata operazione chirurgica, poi altri 70 giorni distribuiti in altre due strutture ospedaliere per la riabilitazione.

“Adesso in posta non vado più da solo – racconta Filippo – mi faccio sempre accompagnare da qualcuno oppure ho fatto la delega a mio figlio. Fino a quel momento mi sentivo sicuro, andavo tranquillo, perché non mi era mai successa una cosa del genere”

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here