Nessuno meglio di Giorgio De Toma sa cosa possa voler dire investire un cinghiale nel cuore della notte, per di più su una strada completamente buia, quella che collega la Motorizzazione di Bari al Parco dei Principi. Utilitaria semidistrutta, qualche postumo fisico e uno spavento assoluto.

A luglio scorso Giorgio è al volante della sua macchina, non va molto veloce perché conosce bene le insidie di quella strada. Il cinghiale attraversa nel momento esatto in cui sta  transitando. A salvargli la vita potrebbe essere stata la decisione di tenere le mani ferme sul volante e continuare la marcia, investendo il cinghiale. In caso contrario sarebbe andato a schiantarsi contro lo spartitraffico in cemento, oppure dall’altro lato sarebbe precipitato nella scarpata.

Sul posto la Polizia Locale, ma prima un automobilista fermatosi ad assicurarsi delle condizioni dell’uomo. “Pensavo che a quel punto sarei riuscito ad ottenere il risarcimento del danno che mi è stato arrecato dall’animale in libertà – denuncia Giorgio De Toma, 31 anni – e invece quello è stato solo l’inizio di un assurdo calcario”. La visita al pronto soccorso e dopo il silenzio di Regione Puglia e Città Metropolitana, il ricorso al Giudice di Pace.

Nessuno ancora si fa avanti. “Ho la macchina in un parcheggio perché non posso spostarla – spiega lo sfortunato automobilista – non ho altro spazio dove metterla e soprattutto il soldi per ripararla, considerando che si tratta di un danno di diverse migliaia di euro. Quel tratto di strada deve essere illuminato, ma soprattutto sotto il guard rail devono essere stistemate le necessarie protezioni per evitare che i cinghiali se ne vadano in giro ad ammazzare qualcuno”.

La buona notizia in questa storia è la successiva installazione dei cartelli che segnalano l’attraversamento di animali selvatici, quindi anche dei cinghiali. “Capirà che consolazione – tuona il malcapitato – qualcuno sarà pure responsabile di quegli animali e delle loro scorribande sulle strade a grande scorrimento o a due passi dalle case”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here