Su richiesta della Procura Regionale della Corte dei Conti di Bari, la Sezione Giurisdizionale per la Puglia ha disposto il sequestro conservativo di vari conti correnti bancari e postali intestati all’amministratore di una società editoriale di Bari. L’attuale sequestro patrimoniale trae origine da un’indagine di polizia giudiziaria svolta dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari/Gruppo Tutela Spesa Pubblica, in ordine ad una grave condotta fraudolenta perpetrata, in danno dello Stato, dalla citata società.

Dalle indagini eseguite è emerso, infatti, che la società coinvolta, attraverso l’utilizzo di artifizi e raggiri, aveva ottenuto indebitamente finanziamenti pubblici pari ad oltre 1,5 milioni di euro, erogati dal Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell’ambito delle misure di sostegno previste dall’art. 3 della Legge nr. 250/90. Al fine di ottenere il contributo,infatti, la società aveva prodotto false dichiarazioni in ordine al fatto di essere una cooperativa di giornalisti (requisito soggettivo essenziale per accedere ai benefici); false attestazioni sui valori di tiratura (stampa) del giornale prodotto nonché sulla percentuale di tiratura effettivamente venduta, addirittura fingendo vendite in blocco di copie stampa ad un unico soggetto; rendicontato costi fittizi sorretti da fatture false e altre condotte fraudolente.

Per tali motivi è stato instaurato anche un procedimento penale per falso e truffa aggravata, tuttora in dibattimento. Notiziata della vicenda anche la Procura Regionale della Corte dei Conti, questa ha delegato alla Guardia di Finanza ulteriori accertamenti, al fine di meglio delineare una eventuale notitia damni; all’esito, ha quindi ritenuto sussistente un danno erariale pari ai contributi pubblici indebitamente percepiti (oltre 1,5 milioni di euro). La Procura contabile diretta dal dott. Francesco Paolo Romanelli, in relazione al pericolo che l’imputato, nelle more della definizione del giudizio di responsabilità, potesse disfarsene, ha pertanto richiesto, tramite il vice Procuratore Generale Antonio D’Amato, l’odierno sequestro di beni “ante causam” quale garanzia patrimoniale nei confronti dell’Erario.

La Sezione Giurisdizionale per la Puglia, con provvedimenti del Presidente, dottor Francesco Lorusso, nel condividere l’impianto probatorio degli organi inquirenti, ha disposto il richiesto sequestro conservativo dei citati rapporti bancari per un controvalore di 1,5 milioni di euro, prontamente eseguito dai militari del Nucleo PT con la collaborazione di ufficiali giudiziari di Bari. Al soggetto coinvolto sono stati notificati, nel contempo, emessi dalla Procura contabile, anche una diffida al pagamento delle somme dovute all’Erario – oltre interessi e rivalutazione monetaria – ed un invito a dedurre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here