Si è presentato presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Miulli per delle lesioni al volto giudicate guaribili in 10 giorni provocategli, a suo dire, a seguito di una rapina subita. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Acquaviva delle Fonti ai quali la vittima, un 35enne del luogo, riferiva che mentre si accingeva a parcheggiare la “Saab” di proprietà del padre all’interno del garage veniva improvvisamente avvicinato da due individui che dopo averlo colpito con calci e pugni si impossessavano dell’’auto.

Il suo racconto tuttavia non ha convinto i militari che hanno cominciato ad incalzare il giovane con una serie di domande alle quali lo stesso non riusciva a rispondere, cadendo più volte in contraddizione. Le successive investigazioni condotte dai Carabinieri e le dichiarazioni poco credibili dell’’uomo consentivano di appurare che lo stesso, al fine di giustificare al padre il danneggiamento dell’’auto a seguito di un urto contro un palo della pubblica illuminazione, aveva ideato di simulare la rapina affidando l’’auto ad un autodemolitore del luogo dove è stata poi travata dai carabinieri. Agli investigatori non rimaneva che deferire in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Bari il 35enne ritenuto responsabile di simulazione di reato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here