Una Bmw X6 rubata a Casamassima, un migliaio pannelli fotovoltaici, attrezzature professionali da dentisti con medicinali, elettrodomestici e articoli per la casa di ogni genere, vestiti e giocattoli nuovi di zecca, prodotti informatici e attrezzature da lavoro, un sistema di videosorveglianza e 4 biciclette, il tutto per un valore di oltre 200mila euro.

È quanto sono riusciti a recuperare i Carabinieri a Bitritto in un capannone, nell’’ambito dell’indagine denominata “NAVIGATOR, portata a termine dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Siena, che ha consentito di arrestare nove soggetti ritenuti responsabili di furto aggravato in concorso di costosi farmaci destinati alla cura di malattie tumorali e reumatiche ai danni di aziende ospedaliere e ditte farmaceutiche. I nove facevano parte di un pericoloso gruppo criminale, con basi operative e logistiche in Napoli e nella provincia di Bari, le cui scorribande si proiettavano su tutto il territorio nazionale. Tra gli arrestati anche un romeno 27enne che aveva in uso il capannone,

Dopo aver localizzato il deposito ed aver ottenuto un decreto di perquisizione dall’’Autorità Giudiziaria, i militari hanno fatto irruzione nel deposito, rinvenendo e recuperando l’’intera refurtiva, frutto di una serie di colpi avvenuti in tutta Italia. Al momento sono in corso accertamenti finalizzati a risalire ai proprietari della merce.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here