Sarà la perizia psichiatrica a stabilire se Donald Nwajiobi, il nigeriano reo confesso di aver ucciso l’11 novembre 2013 la 60enne Caterina Susca nella sua casa di Torre a Mare, sia nelle condizioni di affrontare un processo. Il legale dell’extracomunitario, Antonia Bello, ne ha parlato al processo con rito abbreviato in corso dinanzi al gup del tribunale di Bari. La difesa ha sottolineato la “personalità disturbata del soggetto” e l’assenza di dati certi sull’età.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here