Movida e scuola al centro del progetto “Bari Sicura”

(5 novembre 2011) BARI – Più controlli e meno incidenti, per dirlo in due semplici parole: “Bari Sicura”. Proprio come il nome scelto per il progetto che interesserà la polizia municipale del capoluogo pugliese e prenderà il via lunedì 7 novembre. I riflettori sono puntati sul direttore generale Vito Leccese, il comandante della Polizia Municipale Stefano Donati e il consigliere incaricato alla Polizia Municipale Emanuele Martinelli, che questa mattina hanno illustrato le linee guida del progetto.

Napolitano a Bari: «Serve un esame di coscienza collettivo»

(4 novembre 2011) BARI – «C’è da condurre un esame di coscienza collettivo». Il superamento della grave situazione di crisi, non solo economica, ma anche istituzionale e di fiducia dell’Italia, non può essere responsabilità di una parte sola, ma deve coinvolgere il comportamento di tutti, È questo il messaggio che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha lanciato nel suo intervento, durante il convegno “Rotta a Sud Est. Bari e la Puglia per lo sviluppo del Paese”, tenutosi venerdì pomeriggio nell’aula magna dell’Ateneo di Bari. Il discorso di Napolitano ha chiuso l’incontro, dopo gli interventi delle istituzioni, del presidente della Fiera del Levante, Viesti, dal Rettore dell’Università di Bari, Petrocelli e dall’imprenditore Alessandro Laterza.

Emiliano, stop alla manutenzione delle fontane del Lungomare

(03 Novembre 2011) BARI – Il sindaco di Bari Michele Emiliano ha sospeso la manutenzione ordinaria delle 12 fontane del Lungomare del capoluogo pugliese. Le “pompe di Martinelli”, così chiamate in onore dell’ex vice sindaco Emanuele Martinelli che ne sostenne la costruzione, saranno momentaneamente spente, almeno durante il periodo di crisi economica che la città e la società tutta sta attraversando.

Tagli al Coni, massima sintonia tra Lionetti e Sannicandro

(3 novembre 2011) BARI – Tempo di tagli in Italia, anche per il settore dello Sport. Il Coni, il massimo organo sportivo nazionale, subirà infatti un taglio dei finanziamenti statali pari a circa 110 milioni di euro, sui 470 totali erogati all’anno. Ecco allora la decisione: via i Comitati provinciali a partire dal primo gennaio 2012. A lanciare l’allarme era stato il presidente della sezione di Bari Eustacchio Lionetti che, in merito a questa possibilità, aveva evidenziato come si tratterebbe di «una catastrofe sul territorio, con l'abbandono dello sport di base, dello sport per tutti».

Ispezioni a Palazzo di Giustizia, minacce a Nitto Palma

(31 ottobre 2011) BARI – Il ministro della Giustizia Francesco Nitto Palma sarebbe stato destinatario di un gruppo di lettere contenenti anche minacce di morte, inviategli all’indomani della decisione di inviare degli ispettori nelle procure di Bari e Napoli. Le minacce sono state prese seriamente, al punto che il servizio di protezione nei confronti del Guardasigilli sarebbe stato rafforzato. Le lettere risalirebbero a circa una ventina di gironi fa, poco dopo che il ministro aveva inviato i suoi ispettori nel capoluogo pugliese e in quello campano. Lo scopo delle ispezioni era di appurare che non fossero state commesse delle irregolarità nella gestione delle inchieste che ruotano intorno alle escort di Bari, le “dame di compagnia” che l'imprenditore Gianpaolo Tarantini avrebbe portato, a decine, nelle residenze del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Provincia, Schittulli si dimette da presidente

(31 ottobre 2011) BARI – Decisione a sorpresa alla Provincia di Bari. Il presidente Francesco Schittulli, in data odierna, ha presentato una lettera di dimissioni al prefetto di Bari Mario Tafaro. La decione sarebbe dovuta all’esito negativo di una riunione di Giunta molto movimentata, con diverse tensioni con il proprio partito, il Pdl e il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto. Schittulli si dimette dopo essere stato eletto nel giugno del 2009 con il proprio movimento politico battendo l’uscente presidente Vincenzo Divella.

Scontro Scelsi-Laudati, per il Csm probabile nulla di fatto

(28 ottobre 2011) BARI – Lo scontro tra toghe che da qualche mese turba la tranquillità degli ambienti giudiziari pugliesi, quello tra l’ex pm di Bari Giuseppe Scelsi e l’attuale procuratore del capoluogo pugliese, Antonio Laudati, rischia di concludersi con un nulla di fatto. La vicenda ha avuto inizio quando Scelsi ha esposto al Csm i suoi dubbi circa l’operato di Laudati che, secondo l’ex pm di Bari, avrebbe volutamente rallentato le indagini relative al caso delle escort baresi transitate per Palazzo Grazioli, la residenza romana del premier Silvio Berlusconi.

Appalti pulizie, Emiliano revoca nomina all’assessore Pasculli

(24 Ottobre 2011) BARI - Il sindaco Michele Emiliano ha revocato la nomina di assessore ai Contratti e Appalti e al Contenzioso, all’esponente dell’Idv Emanuele Pasculli. In un comunicato stampa, il primo cittadino barese ha comunicato che l’esigenza è nata dal fatto che l’assessore, indagato penalmente, rischiava di rovinare l’immagine dell’Amministrazione comunale. Lo scorso luglio, data di scadenza del contratto con la vecchia cooperativa “Romeo”, si sarebbe dovuta tenere una nuova gara d’appalto per la gestione delle pulizie, richiesta preventivamente dal sindaco. Gli uffici, però, non avevano adempito a questa richiesta e la colpa sarebbe da attribuire proprio a Pasculli: secondo i carabinieri, l’assessore avrebbe garantito alla “Romeo” il prolungamento del suo servizio in cambio della garanzia di un posto di lavoro per un suo conoscente.

Escort, via gli ispettori: Lavitola “formalmente latitante”

(22 ottobre 2011) BARI – Si è conclusa oggi la prima, febbrile settimana di lavoro per gli ispettori inviati dal ministro della Giustizia, Francesco Nitto Palma, a Bari. Il team, guidato da Gianfranco Mantelli, ha il compito di accertare che non siano state commesse irregolarità nella gestione del “caso escort” da parte del procuratore capo di Bari Antonio Laudati, come invece denunciato dal suo collega, ora sostituto procuratore generale, Giuseppe Scelsi. Gli ispettori potrebbero tornare però già lunedì 24 per ulteriori approfondimenti. Sembra plausibile l’ipotesi che vogliano ascoltare anche la pm Désirée Digeronimo, titolare dell’inchiesta sui rapporti fra i fratelli Tarantini e alcuni nomi eccellenti della Sanità pugliese. Intanto, la procura di Bari ha dichiarato oggi Valter Lavitola “formalmente latitante”.

Bari Capitale europea della cultura: ieri il forum in sala Murat

(21 ottobre 2011) Bari – Ieri, 20 ottobre 2011, alle ore 17:00, nella sala Murat, in Piazza del Ferrarese, si è tenuto un forum, aperto a tutti i cittadini di Bari, in cui si è discusso della candidatura della città a Capitale europea della Cultura nel 2019. Il dibattito si è tenuto grazie all’iniziativa dell’assessore al marketing territoriale Gianluca Paparesta. E’ intervenuto alla discussione, prima di tutti, lo stesso assessore Paparesta, che ha dato l’avvio al dibattito presentando i punti cardine sui quali la nostra città deve puntare per poter partecipare al meglio alla gara che partirà a fine 2012 tramite un bando che sarà indetto dal Mibac, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Sono, inoltre, intervenuti al forum, Nuccio Altieri, che è l’assessore alla cultura della Provincia di Bari e il professore Luca Scandale, che è docente di economia della cultura all’Università Lum Jean Monnet.

Consigli per gli acquisti

Ultimi Articoli