Spenti i lampeggianti della polizia nella piazzetta del Redentore occorre scavare un po’ più a fondo su quello che è accaduto e che accade ogni giorno in questa e nelle altre piazze baresi.

Manca la presenza della politica che ha il compito di canalizzare le energie, indirizzarle, far cresce i cittadini. Sulla stessa panchina, ragazzi di 14 anni albanesi e baresi che convivono in poche decine di metri quadrati, senza aver nulla da fare, senza un programma sportivo, senza un obiettivo di svago, senza tutto ciò che una città metropolitana e per giunta turistica dovrebbe offrire ai 14enni, agli adolescenti.

Intorno, appartamentini di 30mq, affittati talvolta in nero a cifre che vanno dai 300 ai 400 euro, stipati di persone. A pochi metri un enorme contenitore, l’ex manifattura tabacchi, che da anni giace abbandonato a se stesso e che la politica avrebbe dovuto mettere a disposizione dei cittadini organizzando il loro tempo libero, la loro crescita culturale, la loro crescita come Persona.
E più in là in piazza De Nicola, l’enorme Palazzo di Giustizia che vive solo di giorno, a poca distanza l’ex nautico di proprietà della Regione, tristemente chiuso e vuoto.

RAPPRESENTANO IL FALLIMENTO DELLA POLITICA

Ecco perché io, cittadino qualunque, chiedo a te Decaro sindaco di Bari e Capo della Città Metropolitana, di abbassare lo sguardo per un minuto di vergogna.

Per la politica della riabilità che costringe le donne di Enziteto a scendere in piazza fermando gli autobus a Bari.

Per il buco nero del Teatro Petruzzelli, causato dalle decine di assunzioni di figli e parenti di politici e sindacalisti che la politica non ha il coraggio di sbattere fuori, mentre mio figlio, figlio di un cittadino qualunque, è ogni giorno più disperato in cerca di occupazione.

Per la caserma Rossani, vergognosamente abbandonata da anni e oggi ostaggio di un gruppo di cittadini che con la prepotenza fanno prevaricare le proprie ragioni su quanti vorrebbero usufruire di questa struttura.

Per le strade sporche e mai lavate della città vecchia dove mia moglie, moglie di un cittadino qualunque, vorrebbe la stessa pulizia che lei ogni giorno fa dentro casa.

Per la mancanza, a tre mesi dall’insediamento, di un vicesindaco e di un Direttore Generale, la cui assenza sta bloccando la macchina amministrativa.

Per la spiaggia di Pane e Pomodoro, abbandonata al completo fai da te e ad un gruppo di eroici animatori di quartiere, a cui resta solo la speranza che durante l’estate non piova, altrimenti io, cittadino qualunque, dovrei fare il bagno tra gli escrementi.

Per tutte le volte che i cittadini qualunque vengono al tuo cospetto e non gli viene risolto nulla, trasformando così il Comune di Bari in una inutile corte dei miracoli.

Per tutto questo io, cittadino qualunque, chiedo a te di abbassare lo sguardo per un minuto di vergogna, sperando che questo possa servire ai politici pugliesi per chiedere scusa a tutti i cittadini.

Stampa Articolo
Loading...

1 COMMENTO

  1. capisco il perché dell’esortazione ad abbassare lo sguardo … ma un politico, nel suo DNA, ha il disprezzo per la vergogna e la sfrontatezza di non assumersi mai responsabilitá! Perció, io chiedo a De Caro di alzarlo lo sguardo! di alzarlo e di osservare, di alzarlo e di rendersi conto dello squallore che lo circonda … che ci circonda! di alzarlo e di pensare che a lui, tanti altri cittadini ‘distratti’, che mai alzano lo sguardo, hanno affidato l’amministrazione di questa cittá, nella vana speranza che qualcosa cambiasse. DE CARO ALZA LO SGUARDO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here