“L’obiettivo è arrivare a 60mila vaccinazioni al giorno, ma con le poche dosi disponibili non possiamo ancora fare previsioni su quando inizierà la vaccinazione delle altre fasce della popolazione, a partire dai 50enni”. Il capo della Protezione Civile, Mario Lerario, in un’intervista a Repubblica fa il punto sui vaccini in Puglia. Ricordiamo che la Regione nella giornata di ieri ha dato a Lerario il compito di migliorare l’organizzazione della campagna vaccinale.

Una decisione nata dopo la confusione che nei scorsi giorni si è creata negli hub vaccinali, come ad esempio ciò che è successo alla Fiera del Levante, dopo l’apertura alla vaccinazione anche per i non prenotati nella fascia di età dai 79 anni ai 60.

Il cambio di strategia, come spiega Lerario, è stato deciso per dare un supporto al sistema sanitario regionale soprattutto nell’ambito logistico, visto che la Protezione Civile da sempre si occupa della gestione di grandi eventi emergenziali e di massa. “L’assessore Lopalco e il Dipartimento Salute guidato da Vito Montanaro hanno sempre avuto ed hanno tuttora la competenza sanitaria esclusiva e di coordinamento di tutte le Asl sotto l’aspetto sanitario”.

Per quanto riguarda la disponibilità delle dosi il capo della protezione Civile della Puglia ha sottolineato che il presidente Emiliano, con una lettera, ha chiesto al generale Figliuolo una pianificazione mensile e non settimanale sulla consegna delle dosi. “Se avessimo queste informazioni, disagi come quello avvenuto in Fiera non dovrebbero ripetersi più”.