“Nel 2020 il settore wedding in Puglia ha subito cali del fatturato pari al 95% e ancora oggi è tutto fermo”.  A dichiararlo è il presidente di AssoEventi Confindustria, Michele Boccardi, durante l’audizione in IV commissione consiliare sulla crisi del comparto.

Boccardi ha evidenziato che l’economia del wedding comprende un indotto a vari cerchi concentrici e si parla di ricavi in Puglia per un miliardo di euro l’anno, grazie ai circa 19mila matrimoni all’anno, dei quali il 10% di stranieri.

La seduta è stata convocata su richiesta del consigliere di Forza Italia Francesco Ventola, al fine di ascoltare nel merito le posizioni degli assessori allo sviluppo economico e politiche della salute. AssoEventi ha chiesto di dare quanto prima una identità giuridica definitiva al comparto con un solo codice Ateco per ottenere i ristori e aiuti.

“È difficile dare delle prospettive sull’andamento della pandemia, ma la situazione per l’estate prossima sarà sicuramente migliorata anche per effetto delle vaccinazioni – ha spiegato l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco -. Resto disponibile ad incontrare le associazioni del settore per modificare e migliorare il piano per la ripartenza in sicurezza”.

Da parte dell’assessore allo sviluppo economico Alessandro Delli Noci è pervenuta “la massima disponibilità alla collaborazione con tutte le parti politiche e sociali per cercare di costruire una strategia risolutiva, nella direzione di poter dare degli aiuti alle aziende fortemente penalizzate”.