“Ve la immaginate Bari con un grande parco urbano che scavalca i binari della stazione centrale e unisce finalmente i quartieri “al di là della ferrovia” con il centro cittadino? Ecco ce la siamo immaginata. Qualcuno dirà che sono solo sogni. Ma anche il ponte Adriatico era solo un sogno. Anche il lungomare di San Girolamo era solo un sogno. Eppure oggi sono realtà”.

Così inizia il post del sindaco di Bari, Antonio Decaro, in merito alla candidatura del progetto redatto da Fuksas, vincitore del concorso di idee del 2013 nel piano della Regione Puglia per il Recovery fund.

“Si tratta di un parco urbano di 70 ettari, lungo 2,2 km, senza nuove costruzioni e volumetrie, che sovrasterà l’asse centrale della stazione dal ponte di Corso Cavour fino al Ponte Adriatico. Il progetto costa 450 milioni di euro ed è stato suddiviso in stralci. La prima parte – spiega il primo cittadino – fino a viale Ennio prevede un investimento di 100 milioni di euro”.

“So che tanti saranno scettici su questa opera, discuteremo animatamente come è giusto che sia e ci confronteremo. Se riceveremo il finanziamento affronteremo insieme le fasi di progettazione. Ma io penso che solo se conserviamo la capacità di sognare possiamo cambiare questa città” ha concluso il Sindaco su Facebook.