Il 15 dicembre si è tenuto in video conferenza un incontro tra la Regione Puglia e le segreterie regionali UGL Sanità e Terziario, con la finalità di “garantire l’ossigenoterapia a chi ne ha bisogno”.

“Nell’incontro sono emerse problematiche assistenziali e di continuità lavorativa ad un numero superiore di lavoratori interessati nell’appalto, rispetto alle precedenti comunicazioni di oltre 350 unità (350 famiglie!) che rischiano per la superficialità di qualcuno nel gestire la gara d’appalto di ossigenoterapia per la Regione Puglia, appalto di notevole importanza soprattutto in questo momento storico di pandemia”, affermano i segretari Giuseppe Mesto e Rocco Paternoster.

“Dopo il confronto con il Presidente della Task Force, dott. Caroli Leo, e del capo dipartimento alla Salute, dott. Montanaro Vito, le parti sentite e altre parti interessate alla problematica (Direttori Generali delle ASL Pugliesi), hanno concordato un incontro per il lunedì 21 dicembre per avere un quadro generale più preciso e per dare una continuità assistenziale e possibilmente garantire occupazione alle oltre 350 unità lavorative coinvolte nella vertenza”, concludono i due segretari.