Ristoranti chiusi a Natale e Santo Stefano. La notizia ha mandato su tutte le furie l’associazione dei ristoratori “We are in Barivecchia” che ha chiesto un incontro urgente al presidente della regione Puglia prima della pubblicazione del nuovo dpcm che entrerà in vigore il 3 dicembre.

“L’ennesimo stop alle nostre attività – scrive in una lettera il vicepresidente dell’associazione, Michelangelo Dammicco, rappresentante del compartimento Horeca della provincia di Bari – rischia di mettere definitivamente in ginocchio un comparto che ha rappresentato negli ultimi anni un tassello essenziale nella rinascita dell’immagine della Puglia nel mondo. Un comparto già seriamente provato dal primo lockdown”.

“In serio pericolo anche la lunga filiera produttiva legata al mondo dell’Horeca, con il coinvolgimento di tantissimi lavoratori – conclude -. Non si è sentito in questi mesi mai la necessità o il bisogno a livello governativo e anche regionale di coinvolgere rappresentanze di noi operatori sul campo per poter condividere decisioni fondamentali per il nostro futuro. Inaccettabile una riapertura solo fino alle 18. Vogliamo dirlo prima che questo possa avvenire”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here