“Le asl non sono più in grado di tracciare i contagi, quindi la strategia di contenimento del virus non sta funzionando”. Lo sottolinea Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute e ordinario di Igiene generale e applicata alla Facoltà di medicina della Cattolica di Roma.

Ricciardi, visto l’aumento dei contagi in tutta Italia e il 30% dei posti di terapia intensiva occupati dai pazienti Covid, si è soffermato sul sistema di tracciamento dei contagi, che per lui non sta funzionando a dovere. “Il contact tracing non sta funzionando né manualmente, con le interviste ai positivi al virus sui loro contatti, né tecnologicamente con l’app Immuni”.

“L’aumento dei contagi e dei pazienti ricoverati – conclude Ricciardi – è dovuto a due fenomeni in atto in molte regioni: il mancato o ritardato rafforzamento dei Dipartimenti di prevenzione (basso numero di medici igienisti a disposizione) e ai migliaia di focolai in atto. La situazione è molto grave, le regioni stanno andando verso la perdita del controllo dei contagi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here