“Stiamo contattando le nostre concittadine, vittime di aggressione presso una stazione di servizio particolarmente aggredita da furti di vario genere, sicuramente grazie alla sua posizione lontana dal contesto urbano abitato e più facilmente raggiungibile con tante vie di fuga extracittadine. Le stiamo contattando perché Bitonto è una Comunità solidale e vicina ai più deboli. Lo dimostrerà anche questa volta”. Il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, torna sulla brutta disavventura vissuta dalle tre ragazze la sera dell’8 agosto scorso.

Fermatesi alla stazione di servizio in via Pasolini intorno alle 23, sono state rapinate da due criminali, che a volto coperto e con la minaccia delle armi, sono scappati a bordo della Fiat 500 rossa con cui si muovevano le vittime, portando via borse, soldi e docenti, senza farsi alcuno scrupolo nello scaraventarle a terra dopo aver letteralmente strappato dall’interno dell’abitacolo due vittime e aver puntato in faccia una pistola alla terza ragazza. Tutto sotto lo sguardo delle telecamere di sorveglianza che hanno registrato quei terribili momenti.

“A loro – ha aggiunto il sindaco – va la vicinanza di tutti, senza se e senza ma. Ai colpevoli, qualsiasi residenza abbiano, assicuro altra vicinanza: quella delle forze dell’ordine. Ne pagherete le conseguenze al più presto, auspicando anche la violenza di genere come ulteriore atto d’accusa”.

“Ho chiesto anche all’ufficio legale il ricorso ai presupposti di costituirci parte lesa contro di loro per il disastroso danno di immagine perpetuato – ha concluso -, con questo gesto di grande violenza alle vittime, ai danni della città tutta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here