Il comportamento di molti cittadini italiani preoccupa e non poco il comparto medico-scientifico. I protocolli di sicurezza non vengono spesso rispettati e i numeri certificano una risalita della curva dei contagi nelle ultime settimane.

Una situazione allarmante in vista di una seconda possibile ondata in autunno. Lopalco, epidemiologo a capo della task force pugliese, non ha escluso un ritorno al passato sulla falsa riga di quanto sta accadendo in Spagna e in Francia.

“Siamo ad agosto e ci aspettano le 2-3 settimane più critiche di questo incredibile 2020 dopo i durissimi mesi di marzo e aprile. Fiumi di macchine verso le mete turistiche. Le solite della nostra regione – scrive Maria Chironna, responsabile del Laboratorio di Epidemiologia molecolare dell’unità operativa di Igiene del Policlinico di Bari -. Le persone hanno però rimosso o dimenticato che per poter godere di qualche giorno di riposo e di mare DEVONO stare attenti e adottare adeguati comportamenti per evitare nuovi focolai di infezione da SARSCoV2″.

“Il virus circola anche d’estate, nel caso non fosse chiaro abbastanza. E per ogni caso identificato, non è escluso che ve ne siano altri non accertati perché asintomatici. Invece, si fanno feste, anche con gente sconosciuta, si va in discoteca. E anche se all’aperto, ma a 20 cm di distanza, il rischio è altissimo – continua -. Ci si riversa in spiagge cercando di piazzare l’ombrellone il più vicino possibile al mare, incuranti che già ci sono altre persone a mezzo metro. Tanto siamo all’aperto. E mentre si discute e ci si preoccupa di capire se il virus possa essere anche trasmesso con la via aerea, a distanza, osservo comportamenti assolutamente deplorevoli. E, lasciatemelo dire, anche da parte di personale sanitario”.

“Arrivano amici da fuori e che non vedevamo da tempo e che si fa? Ci si abbraccia e ci si bacia. Poi ci vediamo da me in villa, stasera facciamo un piccola festicciola. Uelà, amico mio? Che si dice a Milano? Non possiamo non salutarci con un vigoroso abbraccio e baci – – attacca la Chironna -. Magari la mascherina ce la portiamo dietro ma l’abbassiamo per l’occasione. Igiene delle mani e disinfettanti un ricordo passato. Flaconi presenti all’ingresso di lidi e sui banconi ma il livello è sempre lo stesso”.

“Ma siamo impazziti? Preferisco essere derisa da amici che non vedo da tempo e che mi trovano cambiata ed esagerata quando aggrotto la fronte e protendo la mano in avanti impedendo l’abbraccio e i baci di default. Non è finita – conclude -. E che uno possa essere portatore del virus non ce l’ha scritto in fronte. E io ho ancora ben stampate nella mente le scene di marzo e aprile, il deserto delle strade e le sirene notturne. Buona estate, ma ringraziate chi continuerà a lavorare per limitare i danni di questi irragionevoli comportamenti”.

“Se continua così temo che ad agosto il virus possa acquistare forza e noi possiamo ritrovarci il reparto pieno di pazienti, mentre fino a ieri erano soltanto due quelli ricoverati” le fa eco Gioacchino Angarano, ordinario di Malattie infettive al Policlinico di Bari.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here