Grazie all’accordo tra le aziende biotech italiane, la Takis e la Rottapharm Biotech, sarà sviluppato il vaccino italiano Covid-eVax ideato dalla Takis per sconfiggere il coronavirus. I primi test sull’uomo saranno effettuati in autunno. Nel frattempo è iniziata la produzione dei quantitativi necessari per le prime due fasi del test.

Il Covid-eVax si basa sulla iniezione di un frammento di materiale genetico del virus nel muscolo, dove promuove la sintesi di una porzione della proteina Spike, ossia della proteina che il nuovo coronavirus utilizza per aggredire le cellule. Il procedimento stimola la reazione immunitaria sia con la produzione di anticorpi sia di tipo cellulare, nella quale vengono attivate le cellule del sistema immunitario.

Il processo è efficiente grazie alla tecnica dell’elettroporazione che favorisce il passaggio del materiale genetico nelle cellule in maniera semplice, rapida e senza effetti collaterali grazie a lievi e brevi stimoli elettrici.

La Takis collabora da anni con l’azienda italiana Igea sulla tecnologia dell’elettroporazione,  il cui elettroporatore è già disponibile in oltre 200 ospedali in Europa. Le tre aziende insieme stanno collaborando per realizzare un sistema in grado di permettere una diffusione più ampia e capillare.

La Rottapharm Biotech, in base all’accordo, ha messo a disposizione di Takis le sue competenze nello sviluppo di farmaci innovativi. In più, per il completamento delle due fasi sei test clinici, ha supportato finanziariamente l’azienda. Per i programmi in corso sono stati concordati 3 milioni di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here