Il bilancio del primo weekend post lockdown parla chiaro. E siamo ancora a metà dell’opera. Dopo il libera tutti concesso dal governo, nella città di Bari si sono registrati ieri assembramenti in strade e piazze che sono tornate ad essere strapiene di gente.

I giovani baresi hanno preso d’assalto i locali più “gettonati” come se fosse un sabato ordinario di primavera, in barba alle norme di sicurezza dettate dal protocollo. Diverse le segnalazioni giunte dal Demetra, in via Giuseppe Maria Giovene, e dal Faros, in largo Giordano Bruno.

I baresi hanno dovuto sgomitare anche in via Sparano e sul Lungomare di Bari, tornati ad essere il cuore della movida del capoluogo pugliese. I controlli sono pochi, qui da noi non ci sono ordinanze restrittive come in altre regioni. Non è imposta la chiusura delle attività alle 23 o l’obbligo dell’utilizzo della mascherina ma è solo preferibile essere civili. E a Bari si preferisce non esserlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here