L’Agenzia regionale di Protezione Civile della Puglia e Confcommercio, Confindustria e Confesercenti, hanno siglato un accordo d’intesa con l’assessorato regionale all’Industria Turistica e Culturale per destinare alcune strutture alberghiere ad ospitare il personale sanitario e non legato all’emergenza Covid 19.

Le consultazione dei giorni scorsi tra le parti istituzionali e di categoria hanno sortito un’intesa che consente alla Protezione civile di disporre delle strutture alberghiere pugliesi per accogliere persone che, sulla base delle valutazioni ed indicazioni della ASL, non possono stare in isolamento nella propria abitazione. Le strutture sono ripartite su tutte le province pugliesi per un totale di 1.500 camere.

“Si tratta – spiega Francesco de Carlo, coordinatore di Assohotel Confesercenti – di medici e paramedici, i quali, previa richiesta inoltrata alla Protezione civile, decidono di stare lontani dalla propria famiglia e sostare in albergo per evitare eventuali contagi, e cittadini che sono stati a contatto con i contagiati e vogliono trascorrere la quarantena al di fuori del nucleo familiare. Le strutture che stanno accogliendo queste persone rispondono ad un preciso requisito: assicurare l’isolamento alle persone ospedalizzate e dimesse dall’ospedale con il tampone negativo, e a coloro che in assenza di tampone necessitano di un periodo di isolamento”.

“Nell’ambito delle prerogative per l’emergenza Covid 19 – aggiunge il vicepresidente regionale Antonio Nunziante – è stata predisposta questa convenzione con le associazioni degli albergatori che rientra nelle azioni per l’assistenza alla popolazione e costituisce un utile dispositivo per il contrasto alla pandemia e la riduzione delle possibilità di contagio”.

“Abbiamo condiviso con le Associazioni di categoria del settore turistico/alberghiero maggiormente rappresentative, obiettivi e strategie inerenti l’emergenza epidemiologica in corso per individuare le strutture alberghiere adeguate a garantire idonee modalità di isolamento domiciliare e/o fiduciario – aggiunge l’assessore Loredana Capone -. Ringrazio la Protezione civile per il grande lavoro che sta facendo in Puglia e le associazioni di categoria del turismo per la disponibilità e la collaborazione dimostrata’.

Le strutture individuate assicurano oltre all’isolamento richiesto, anche il servizio di manutenzione ordinaria delle stanze e di reception/vigilanza h24 e 7 giorni su 7 come da convenzione. L’accesso alla struttura e alle camere è permesso esclusivamente ai fornitori autorizzati dal personale sanitario della ASL o dalla Protezione civile della Regione Puglia che garantiscono il servizio di lavanolo, pulizia e disinfezione, mensa, e al personale sanitario per la sorveglianza sanitaria.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here