“Non c’è tempo da perdere. Sulla vicenda dei 33 contagi presso l’azienda lavorazione carni Siciliani s.p.a. di Palo del Colle bisogna agire con la massima trasparenza e tempestività, valutando anche misure estreme come la temporanea chiusura dello stabilimento”.

A dichiararlo è la deputata bitontina Francesca Anna Ruggiero del Movimento 5 Stelle, sulla falsa riga della lettera inviata dal centrodestra del comune di Palo alla Regione Puglia e all’Asl di Bari. 

“L’ultima notizia sui positivi è tutt’altro che rassicurante e offre un quadro preoccupante rispetto a chi continua a sostenere che la situazione è sotto controllo – dichiara la Ruggiero -. Al netto delle rassicurazioni dell’azienda sull’adozione delle misure di sicurezza, ci chiediamo se siano state garantite tutte le precauzioni del caso. È necessario assicurarsi che le ditte che hanno diretto contatto con l’azienda, come i distributori, abbiano lavorato e continuino a lavorare in condizioni di sicurezza”.

“Apprendiamo da fonti stampa che oggi sarebbe rientrato al lavoro il primo dipendente risultato positivo da un mese; ci chiediamo se sia stato fatto il secondo tampone a confermarne la negatività – continua la deputata -. Visto l’elevato numero di contagiati residenti nella città di Palo del Colle, Asl, Regione Puglia e il Comune di Palo del Colle dovrebbero mettere in atto tutte le misure per garantire l’assistenza ai positivi e rispettive famiglie, anche allo scopo di contenere il contagio. Giudichiamo favorevolmente l’estensione dei tamponi a tutti i dipendenti, a differenza dei test sierologici, su cui ci sono ancora dubbi da parte degli esperti”.

“Alla luce dell’emergenza, sarebbe stata auspicabile un’anticipazione alla giornata di oggi, subito dopo aver ricevuto la relazione dell’Asl, della convocazione del Centro operativo Comunale, che è fissato per martedì. Sono inoltre vergognose le minacce mosse da alcuni soggetti agli attivisti di Palo 5 Stelle, che hanno coraggiosamente sollevato il problema nei giorni scorsi, chiedendo trasparenza, perché questa è imprescindibile per contenere il contagio – conclude -. Quando si tratta della salute della collettività e di un virus così contagioso non c’è ragione che tenga. Informazioni opache, minimizzazioni e superficialità potrebbero essere la ricetta perfetta per un disastro. Bisogna agire con la massima attenzione e tempestività, per circoscrivere immediatamente il contagio”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here