È stata pubblicata oggi la determina con la quale la ripartizione Sviluppo economico ha  disposto la sospensione del pagamento del canone d’affitto in favore dei commercianti assegnatari degli stalli nel mercato coperto di viale Lazio, al San Paolo. Come noto, infatti, lo scorso 2 gennaio la struttura è stata interessata da un incendio che ha distrutto alcuni box e danneggiato la parte impiantistica, ed è ora oggetto di lavori di ripristino che hanno costretto gli operatori, d’accordo con l’amministrazione comunale, ad allestire all’esterno i banchi per la vendita dei prodotti al pubblico.

Il provvedimento odierno autorizza la ripartizione Ragioneria a ridurre l’accertamento in entrata dei canoni di concessione d’uso dei box per l’esercizio in corso (1° gennaio-31 dicembre 2020).

Quanto al cantiere di ristrutturazione del mercato, il cui termine è previsto per fine marzo, sono in corso il rifacimento dell’impianto elettrico, la ritinteggiatura di tutti i locali, il rifacimento delle controsoffittature a protezione di una copertura con materiale ignifugo, la sostituzione di alcuni infissi e la ricostruzione dei due box distrutti dalle fiamme. I lavori nei due locali sono cominciati ieri dopo il dissequestro disposto dall’autorità giudiziaria.

“Con la sospensione del pagamento dei canoni di affitto in favore degli operatori del mercato del San Paolo per tutto il 2020 – commenta Carla Palone – manteniamo fede a una promessa fatta all’indomani dell’incendio e testimoniamo concretamente la nostra vicinanza a quanti, da quasi due mesi, sono costretti a lavorare in condizioni oggettivamente critiche. Da subito l’amministrazione si era impegnata a sostenere gli operatori in questa fase difficile della loro attività, avviando d’urgenza gli interventi di ripristino. Siamo perfettamente consapevoli dei disagi vissuti dagli operatori e nelle scorse settimane abbiamo istruito le procedure necessarie alla determina odierna; per questo trovo inaccettabile che si strumentalizzi una vicenda come questa per il proprio tornaconto politico fingendo di non sapere che questi atti amministrativi richiedono copertura economica e tempi burocratici, nel rispetto delle regole. Ciò che conta, ad ogni modo, è che per quest’anno gli operatori del mercato di viale Lazio non debbano pagare il canone”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here