La professione di avvocato non tira più. Senza troppi giri di parole, la toga non affascina i giovani laureati, colpa della giustizia lumaca, dei processi infiniti, del continuo scontro con la classe politica, della concorrenza numerosa e forse anche della difficoltà a farsi pagare dai clienti, ma i numeri parlano chiaro e sono impietosi.

Al prossimo concorso per l’abilitazione, in programma dal prossimo 10 dicembre nella Fiera del Levante, gli aspiranti avvocati saranno 929, il numero più basso mai registrato da moltissimo tempo a questa parte, ancora meno di quei 954 dello scorso anno.

L’accesso alla professione poi, costa caro. Nel 2012 è stato introdotto l’obbligo di iscrizione alla Cassa forense, e sono batoste per tutti, anche per chi è alle prime armi. Non è un caso, infatti, che siano diminuite le iscrizioni all’Ordine, così come sono calate le iscrizioni alla facoltà di Giurisprudenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here