Il rapporto spigoloso tra baresi e Polizia Locale si arricchisce oggi di un nuovo capitolo. Una vigilessa posta sul suo profilo facebook un video che la ritrae sul lungomare alla guida della moto di servizio, per lunghi tratti col viso rivolto verso l’obiettivo. Saluta gli amici motociclisti ed esalta il suo compagno di pattuglia.

Fra i commenti scoppia la polemica, anche tra gli amici della protagonista inquadrata che hanno detto la loro sotto al post, prima della cancellazione. Chi ha girato il video? Un amico motociclista, un automobilista o il suo compagno di pattuglia? Fosse quest’ultimo il caso, l’ipotesi più suffragata tra i commentatori è che il collega di pattuglia possa aver filmato la scena col cellulare, ma spuntano altre teorie interessanti.

Potrebbe essere stato qualcuno, persino lo stesso collega in servizio con l’agente ripresa, ma con una telecamera go-pro montata sul casco. Non sappiamo se tuttavia si tratti di un’operazione che necessiti di un ordine di servizio specifico. L’altra possibilità, ventilata a quanto pare da qualcuno che saprebbe come siano andati i fatti, è che a girare sia stato effettivamente un collega della vigilessa, ma non quello alla guida, ma un altro seduto dietro di lui.

Perché la vigilessa ha sentito la necessità di ingenerare confusione tra i suoi amici del social network, tanto da rischiare di ricevere – cosa realmente avvenuto – commenti denigratori rivolti a tutta la categoria? Pubblichiamo il video postato il 27 ottobre scorso e rimosso oggi, oscurando la faccia dell’agente ripresa, ma restiamo a disposizione del comandante della Polizia Locale di Bari, Michele Palumbo, nel caso volesse visionare il video integrale postato su facebook e poi rimosso, sempre che nel frattempo i protagonisti non abbiano già chiarito la vicenda. In tal caso saremmo a disposizione per fare in modo che i protagonisti  possano spiegare quanto è accaduto agli amici della vigilessa, ai nostri lettori e a tutti i cittadini baresi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here