La sega di Dino Rizzi per liberare la banchina di viale Tatarella, a Bari. Una strada a grande scorrimento in cui le erbacce sono diventate ormai alberi e rendono impossibile l’utilizzo di buona parte della banchina in entrambe le direzioni.

Siamo andati sul posto con “Indiana Gions” per lanciare una provocazione, anche perché non più di sei o sette mesi fa, è stato manutenuto lo spartitraffico centrale. Niente da fare ancora per la banchina.

La strada diventa sempre più pericolosa e i cartelli stradali sono ormai avvolti dalla fitta vegetazione, che ha raggiunto e superato i 5 metri d’altezza. Gli arbusti, inoltre, stanno danneggiando i marciapiedi.

Se chi ha la responsabilità della manutenzione di viale Tatarella legge questo messaggio è pregato di intervenire prima che le forze occulte s’impossessino della sega di Dino Rizzi.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here