«A partire dal rapporto tra vita quotidiana e i grandi fenomeni della globalizzazione, passando per l’analisi puntuale delle sofferenze più evidenti del nostro Paese nel settore delle infrastrutture, delle banche, delle relazioni sociali e istituzionali, quello che emerge sconfessa finalmente ogni tentazione ideologica di ridurre il mondo ad uno slogan o peggio ad un dogma, ma al contrario restituisce al nostro tessuto produttivo la sua dignità di organismo complesso, fondato sul valore delle persone e non certo sui freddi parametri di Bruxelles». Scrive così il vicepremier e leader leghista Matteo Salvini nella prefazione del libro di Francesco Paolo Capone intitolato #Populeconomy. L’economia per le persone e non per le élites finanziarie.

Presentato a Bari, nella biblioteca della Fondazione Tatarella, è stata l’occasione per fare il punto sulla situazione attuale con l’autore, che è anche segretati generale dell’Ugl: “Un’economia vicina alle persone è necessaria – ci ha detto tra le altre cose – nell’ultimo anno sono stati fatti grandi passi avanti e risultati delle azioni di questo governo si vedono, i numeri dell’Istat ci dicono che il tasso di occupazione attuale è pari a quello registrato 40 anni fa, cioè oggi siamo nelle stesse condizioni di allora”.

“Sul territorio pugliese stiamo vivendo una crisi generale delle aziende – gli ha fatto eco Antonio Caprio, segretario dell’Ugl Bari – ecco perché un sindacato moderno deve guardare al futuro, non arroccato su delle posizioni rigide, con il lavoratore sempre più protagonista all’interno dell’azienda”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here