Terremoto nel 118 barese. C’è chi è pronto a scommettere in sviluppi rapidi e clamorosi. La lite furibonda tra il “direttore” del servizio di emergenza-urgenza, Antonio Dibello, e il coordinatore degli infermieri e autisti-soccorritori, Domenico Liberio, potrebbe avere retroscena inquietanti.

Durante la litigata i due si sarebbero scambiati offese reciproche, ma sarebbero state avanzate anche accuse personali gravissime. Dibello e Liberio, lo ricordiamo, furono costretti a rivolgersi al vicino pronto soccorso per essere medicati. A verbale ci sarebbero denunce per aggressione, spintoni, minacce e ricatti. Della questione è stato immediatamente interessato il direttore generale della Asl di Bari, Antonio Sanguedolce oltre che il presidente della Regione Puglia in persona.

Al netto degli strascichi giudiziari, i dipendenti dell’azienda sanitaria locale barese, ed in particolare quelli del 118, aspettano di conoscere quali provvedimenti saranno presi nei confronti dei due responsabili del 118 barese, anche alla luce del danno d’immagine che hanno evidentemente provocato a tutta la Asl.

Per molto meno in passato qualcuno ha rischiato di perdere o ha perso il posto di lavoro. La legge, seppure interna alla Asl, è uguale per tutti? Vedremo, certi in ogni caso che la vicenda non sia affatto finita qui.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here