In Puglia è stato effettuato il primo intervento “frameless” su un paziente affetto da Parkinson, presso l’ospedale Miulli di Acquaviva. L’equipe di neurochirurgia ha infatti utilizzato un trattamento di stimolazione cerebrale profonda, con l’inserimento di due elettrocateteri nei nuclei subtalamici del paziente, utilizzando la tecnica del “frameless” ovvero senza casco stereotassico, più tollerata dal paziente e permette una precisione analoga a quella tradizionale con casco.

L’equipe era composta dai neurochirurghi Carlo Delvecchio e Carlo Somma e dai neurologi Elena Caputo e Filippo Tamma, assistiti in qualità di tutor dai dottori Marcello Egidi, diretto di neurochirurgia presso il San Carlo Borromeo di Milano, e da Massimo Monadani, neurochirurgo presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine.

Per fortuna non ci sono state complicanze e i risultati clinici sono stati più che soddisfacenti. Il Miulli si affianca all’ospedale di Brindisi come offerta DBS ai pazienti pugliesi e nella regione Puglia, colmando così una lacuna che distanzia gli ospedali del sud con quelli del nord Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here