All’esito dell’intervento in commissione Lavori Pubblici dell’assessore Giuseppe Galasso e dell’ingegner Laricchia, la vice presidente della commissione, Irma Melini, conferma le perplessità avanzate circa i lavori di riqualificazione di via Sparano.

“Siamo alle mosse finali, l’Amministrazione in barba alla delibera di Consiglio che impegna il sindaco ad un’adunanza pubblica, ha messo a bando (scadenza 7 luglio) l’esecuzione dei lavori di via Sparano. Eppure, le criticità sono ancora molte e sono state confermate stamane durante l’audizione dell’Assessore Galasso e del Rup Laricchia in Comm. LL.PP.
Non esiste ancora un calcolo effettivo della metratura di verde che sarà realizzata con la riqualificazione.

L’unico calcolo ad oggi è quello effettuato dalla sottoscritta, capitolato alla mano, e che riporta circa 60 m² invece che i 250 dichiarati dall’assessore.
Non vi è chiarezza sulla giusta interpretazione dei pareri di Mistero (2009) e Soprintendenza (2014-2015) soprattutto in merito al vincolo di lasciare libera l’intera visuale ad effetto “cannocchiale”.

Eclatante, in merito, come oggi si abbia certezza che la “prescrizione” del cannocchiale non esista per i gazebo dei bar esistenti su via sparano. A riguardo, infatti, avevo sollevato il rischio di eventuali contenziosi che sarebbero potuti sorgere dal negare, terminati i lavori, il riposizionamento dei gazebo esistenti.

Sfugge come quello che fino ad oggi era il vincolo della soprintendenza – dichiarato dalla giunta – a non posizionare alberi su via Sparano, per lasciare la visuale libera, venga meno di fronte all’utilizzo di occupazione di suolo pubblico per gazebo. Delle due l’una: se possono rimanere i gazebo potranno rimanere anche le alberature su via sparano.
In tema di alberature poi, non solo non è ancora chiaro quanto verde sarà posizionato, ma addirittura le stesse fioriere saranno poste a ridosso della strada carrabile creando pericolo per gli stessi fruitori delle uniche panchine con schienale.

Ho chiesto infatti se si potessero spostare queste panchine con fioriera a ridosso della via Sparano così da permettere la socialità (prevista dal bando), ma a causa del famoso “vincolo” non si possono spostare.
Cosa stiamo realizzando? Una strada museo che non è più museo perché non ha più le opere d’arte; una strada senza alberatura perché doveva avere la visuale libera , a cannocchiale, a cui oggi si inseriscono nuovamente i gazebo alti minimo due metri; una strada dedicata al commercio e alla socialità dove le poche panchine con schienale saranno relegate agli angoli della strada carrabile.

Ci siamo riaggiornarti con la commissione al 22 giugno, giorno nel quale l’assessore Galasso si è impegnato a portare il calcolo effettivo del verde; ad impegnarsi, qualora fosse inferiore a quanto dichiarato, a raggiungere comunque la cifra da lui 250 m² di verde; a ricostruire il senso dei pareri della soprintendenza e del ministero. Dal canto mio, mi sono impegnata a portare un altro calcolo: questa volta quello dell’ingombro dei gazebo. Ingombro, quest’ultimo, che trovo legittimo al pari delle alberature tra l’altro non vietate dal concorso del 2006.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here