«È severamente vietato sporcare o far feste nei corridoi e nei cortili del palazzo Ateneo». Il cartello col divieto perentorio, privo di qualsiasi timbro e firma a sancirne l’ufficialità, attaccato con del nastro adesivo marrone da imballaggio, non ammette repliche. Basta ai festeggiamenti.

Avevamo denunciato lo schifo già diversi mesi fa, oggi abbiamo provato a sondare l’umore dei ragazzi e in effetti sembrano tutti d’accordo, anche se «i festeggiamenti non sono mai abbastanza» ci ha detto qualcuno. Il fatto comunque resta e lo stesso personale dell’Università si è lamentato con noi: «Più che dirglielo non puoi, mica ci puoi litigare con la gente».

A giudicare dalla sporcizia che abbiamo visto in giro questa mattina, non è che il divieto sia stato preso poi troppo sul serio. In fin dei conti, oltre a spumante e coriandoli, basterebbe portarsi dietro una paletta, un sacchetto e un po’ di civiltà.

print

1 COMMENTO

  1. Sa genitore di una neo -laureata io mi chiedo ma con i soldi delle tasse che paghiamo perché non puniscono lo sporco che c’è nei corridoi , negli angoli o sulle scale? ??

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here