Nel “trigesimo” del crollo dei calcinacci del 28 dicembre scorso, siamo tornati in via della Resistenza, al quartiere Canneto di Adelfia. I pezzi di intonaco e di mattoni forati sono esattamente come li avevamo lasciati un mese fa, alle spalle delle transenne posizionate ai due accessi del porticato. Dall’Istituto autonomo case popolari – che in tutto questo tempo non ha fatto nessuna comunicazione ai residenti – abbiamo saputo che c’è stato un sopralluogo e che la pratica è aperta.

Si tratta, però, di un lavoro di manutenzione straordinaria e quindi i tempi per la gara d’appalto all’italiana sono lunghi. Ci sarà una piccola accelerazione. In considerazione della pericolosità della situazione, si è potuto in parte accelerare le procedure. Dallo Iacp assicurano he entro l’estate sarà tutto risolto.

Andando sul posto abbiamo anche scoperto che in un’altra palazzina, ormai un anno e mezzo fa, qualcuno ha fatto esplodere una bomba carta, creando danni e annerendo le pareti dal primo al terzo piano. Sembra di stare in un paese in guerra. Da allora non è stato fatto niente. La battaglia legale continua così come lo stabile continua a restare in quelle condizioni. Siamo certi che anche in questo caso l’Itituto autonomo case popolari di Bari saprà come intervenire per il ripristino della normalità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here