«Dopo l’iperafflusso dei giorni scorsi, grazie anche al blocco dei ricoveri ordinari, la situazione è migliorata». Parola di Francesco Stea direttore del Pronto Soccorso al Policlinico di Bari. Dopo il clamore mediatico, e le conseguenti polemiche, lo scenario attuale non sembra destare preoccupazioni anche se c’è poco da illudersi, sottolinea lo stesso Stea, la vera emergenza deve ancora arrivare: «Il picco è previsto per fine gennaio, inizio febbraio».

Al momento, i ricoveri in sala rossa al Pronto Soccorso del Policlinico riconducibili al fenomeno influenzale sono due, sei invece i pazienti ricoverati con difficoltà respiratorie all’ospedale San Paolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here