E siamo a quattro. Dal nostro blitz con multa ai due trasgressori che avevano lasciato le moto all’interno delle strisce gialle che delimitano l’area di sosta riservata ai taxi, in via Cognetti, continuiamo a pubblicare fotografie che testimoniano come nulla sia ancora cambiato. Dopo la sosta del fine settimana rieccoci in via Cognetti. Auto, moto e mezzi da lavoro sono sempre lì. Gli automobilisti baresi utilizzano i parcheggi dei taxi come fossero una qualunque area di sosta. Tutto questo senza neppure essere multati (I trasgressori – lo ricordiamo – pagano 40 euro nel caso dei due ruote, 82 euro se si tra di un’auto. In entrambe i casi i punti in meno sulla patente sono 2).

I tassisti protestano, denunciano, ma finora non è cambiato nulla. La cosa più grave è che in certi punti della città – soprattutto quelli più centrali – i vigili urbani passano e chiudono un occhio, per la verità in alcune circostanze anche tutti e due. Lo staff del sindaco, commentando un nostro pezzo sull’argomento, aveva scritto che avrebbe segnalato la questione alla Polizia municipale. Da 10 aprile a oggi, purtroppo le cattive abitudini non sono mutate di una virgola. Forse – ribadiamo forse – qualche contravvenzione in più potrebbe far passare la “fantasia” a quanti non hanno ancora compreso – o fanno finta di non averlo fatto – che le aree di sosta sono un elemento essenziale del lavoro dei tassisti.

Le fotografie immortalano la situazione in via Cognetti stamattina. Speriamo che si riesca a porre rimedio. Noi, intanto, continueremo a scattare immagini e pubblicarle. La speranza è l’ultima a morire. O no?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here