Da una nota diffusa dai sindacati aderenti si apprende che lo sciopero sciopero è stato proclamato:

«Contro l’attacco alle condizioni e al diritto del lavoro, contro l’aumento della precarietà, lo smantellamento dell’articolo 18, contro l’aumento delle tasse, l’Imu e l’aumento dell’Iva; contro l’attacco alla pensione, al diritto alla saluta e alla sicurezza sui posti di lavoro; contro le politiche economiche e sociali del governo Monti e il ricatto del debito operato dalle banche e dall’Unione Europea».

Lo stop alla circolazione dei mezzi pubblici potrà scattare dalle ore 8:30 sino alle 17 e dalle 20 sino a fine servizio. Per i treni la mobilitazione del personale addetto alla circolazione sarà dalle 21 del 21 giugno alle 21 del 22 giugno. Per il trasporto aereo i disagi potrebbero cominciare dalla mezzanotte sino alle 23:59 del 22 giugno,con rispetto delle fasce di garanzia e dei voli garantiti.

Per i lavoratori dell’Anas riguarderà l’intero turno dalle 6 del 22 giugno alle 6 del 23 giugno, mentre per i mezzi pubblici locali durerà 24 ore nel rispetto delle fasce pubbliche di garanzie stabilite localmente.Infine le Ferrovie Appulo Lucane garantiscono i servizi ferroviari e automobilistici essenziali, dalle 5:30 alle 8:30 e dalle 12:30 alle 15:30.

Per quanto riguarda l’A.m.t.a.b, l’azienda ex municipalizzata per il trasporto urbano, lo sciopero non dovrebbe avere alcuna conseguenza, perché non ci sono iscritti ai sindacati di base all’interno dell’azienda.

 

21 giugno 2012

Eugenio Orsi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here