Come previsto dalla normativa vigente, a quattro anni dalla pubblicazione dell’ultimo bando per tutti i soggetti interessati sarà possibile, a partire da oggi fino al termine del 16 giugno, presentare domanda per accedere alla graduatoria definitiva degli aventi diritto.

I dettagli sono stati presentati questa mattina in conferenza stampa, a Palazzo di Città, dal sindaco Michele Emiliano, dall’assessore all’ERP Floriana Gallucci,  dall’assessore alle Politiche abitative Gianni Giannini e dal direttore della ripartizione Patrimonio Giancarlo Partipilo.

Diversamente da quanto previsto in precedenza, la durata della pubblicazione sarà di 60 giorni per consentire a una più ampia fascia di popolazione di partecipare al nuovo bando. Per quanto riguarda i lavoratori emigrati all’estero residenti in Europa il termine è fissato al 16 luglio, mentre per i lavoratori emigrati a residenti in Paesi extraeuropei il termine è il 31 luglio.

Per accedere alla graduatoria, è necessario che, oltre ai nuovi aspiranti, al nuovo bando partecipino anche i soggetti collocati nella graduatoria definitiva conseguente al bando del 2008, nonché tutti coloro che – a qualsiasi titolo – vivano in un alloggio sulla base di assegnazione temporanea. Coloro che non dovessero ripresentare domanda, infatti, saranno cancellati dall’elenco.

“Questo nuovo bando risponde alla necessità di ridisegnare la mappa del fabbisogno abitativo  della città – ha dichiarato il sindaco Michele Emiliano – è molto probabile infatti, purtroppo, che i parametri che consentivano l’accesso all’utilizzo di una casa popolare siano diventati più diffusi. In altri termini quei livelli di reddito che un tempo erano legati solo ad alcune categorie di cittadini, marginali, oggi riguardano una fascia molto più ampia della popolazione. Il che significa che le graduatorie in atto devono essere aggiornate in modo tale da non determinare alcun tipo di ingiustizia. Nella gerarchia della povertà, infatti, non possono esistere posizioni costituite”.

“Comprendiamo che questo possa rappresentare un disagio – ha proseguito il sindaco – per chi in graduatoria c’è già, ma abbiamo il dovere di procedere ad una riapertura anche perché stanno maturando in concreto le condizioni per l’assegnazione degli alloggi con la costruzione di centinaia di case IACP che saranno consegnate in pochi anni. In questo modo, potremo portare avanti quanto previsto dal Piano casa, uno mezzo fondamentale per il fabbisogno alloggiativo della città”.

“La pubblicazione del nuovo bando – ha evidenziato l’assessore Floriana Gallucci – si è resa necessaria per due motivi: innanzitutto abbiamo recepito le modifiche apportate dalla Regione Puglia alla normativa attraverso l’emanazione della legge regionale n. 8 del 30 marzo 2012, in secondo luogo perché questo nuovo bando ci consentirà di avere una fotografia aggiornata dell’effettiva esigenza abitativa, purtroppo crescente, dei cittadini. Inoltre abbiamo intenzione di aggiornare ogni due anni la graduatoria, dunque prima della scadenza prevista dopo quattro anni dalla pubblicazione del bando”.

Le modalità di partecipazione al bando saranno rese note anche attraverso la diffusione di informazioni nelle sedi circoscrizionali, dei patronati e delle associazioni di categoria.

“Il fabbisogno di alloggi pubblici – ha dichiarato l’assessore Gianni Giannini – è aumentato con l’ampliamento delle fasce di povertà. Federcasa ha diffuso dei dati impressionanti: sono 583.000 le domande di case popolari in tutta Italia e lo scarto tra offerta e domanda è aumentato notevolmente. Ciò pone il problema di reperire a livello nazionale le risorse necessarie per far fronte alla domanda delle fasce più deboli della società che non solo non hanno la possibilità di accesso alla proprietà di una prima casa, ma non hanno nemmeno la capacità reddituale per sopportare i canoni correnti delle locazioni private. Il Comune di Bari, attraverso il Piano casa, si è dotato di uno strumento efficace per dare risposte concrete all’emergenza e al disagio abitativo. Infatti per un verso opera per la realizzazione di abitazioni popolari da assegnare con la graduatoria di questo nuovo bando, per altro verso realizza alloggi anche per far fronte all’emergenza abitativa delle persone disabili e degli sfrattati”.

Il bando per l’assegnazione in locazione degli alloggi ERP è on line sul portale del Comune a questo link.

(comunicato Ufficio Stampa Comune di Bari)

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here