L’incontro di oggi si è svolto come botta e risposta con i ragazzi: si ponevano delle domande circa fattori di rischio come la velocità, l’uso del cellulare, l’assunzione di droghe o alcol prima di mettersi alla guida. Il tutto è stato supportato da “video shock”, che mostravano come le “microdecisioni”, scegliere di indossare il casco o la cintura, di rispondere all’sms dell’amico o aspettare di accostare, di bere oppure no prima di  guidare, potessero concludersi in una tragedia.

Ma il momento catartico, che ha ammutolito i giovani, offrendo loro uno spunto di riflessione, sono state le testimonianze di persone che hanno vissuto in prima persona questi drammi. Franca Bucci, la madre di Mimmo, per il quale è stata fondata l’omonima associazione, ha raccontato di come il figlio sia stato tamponato e ucciso, appena due anni fa, sul lungomare di Bari mentre attendeva a un semaforo, da due “balordi” che andavano a tutta velocità con la propria moto.

Poi è stato il turno di Francesco Visaggi, un ragazzo di 30 anni che ha raccontato della morte del fratello Michele, seduto dietro nell’auto di una sua amica, che è andata fuori strada a Triggiano dopo la rotonda di Bariblu, per aver perso aderenza e perchè la conducente aveva 2.8 gradi di alcol. Francesco aggiunge: “Vi chiedo solo di pensare a chi vi vuole bene. Cercate di avere dei comportamenti con i quali possiate evitare il più possibile queste cose: preservate e salvaguardate voi stessi prima di tutto. Michele  diceva: Ama e lasciati amare”.

Gli incidenti stradali non causano solo vittime ma anche “sopravvissuti”, che riportano lesioni gravi permanenti. In Italia sono 20.000 all’anno, una di queste è Loredana, originaria da Trento, che il 7 dicembre  del 1986 in un incidente stradale ha riportato una lesione alla spina dorsale, che la costrinse da allora a stare sulla sedia a rotelle: aveva solo 17 anni. Loredana, che ha fondato l’Associazione italiana traumatizzati spinali-onlus “Angeli Senza Ali”, si rivolge ai ragazzi: “La fatalità esiste ma aiutarla è da cretini. Non vi abituerete mai alla carrozzina: io soffro da 35 anni. Per 20 minuti, un’ora di estasi pensate io vi capisca?”

L’evento di oggi è stato la prima parte del progetto: a maggio si terrà una vera e propria simulazione all’aperto di un incidente stradale e di soccorso, che coinvolgerà i giovani in prima linea. Saranno proprio i ragazzi alla fine ad avere la possibilità di partecipare al concorso “Crea lo spot” per realizzare un cortometraggio sul tema dell’incidentistica stradale.

Federica Addabbo

 

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here