Chiaramente questa rivoluzione verde non partirà dall’oggi al domani ma avrà un periodo di monitoraggio per l’individuazione delle fasce all’interno delle quali collocare i Comuni. Questa fase, partita lo scorso primo settembre, si concluderà il prossimo 31 agosto 2012. Dal 01/09/2012 successivo ogni Comune saprà a quale fascia di merito apparterrà e dal primo gennaio del 2013, i sindaci dovranno iniziare a pagare l’ecotassa secondo i nuovi criteri.

L’ecotassa avrà ripercussioni anche sulla TARSU, cioè sui singoli contribuenti. Se infatti si raggiungerà la quota del 60% di raccolta differenziata, fermo restando l’assenza d’irregolarità, la tassa sui rifiuti urbani potrà far risparmiare molto ai  cittadini, attestandosi intorno ai 2,9 euro per tonnellata.

 

Angelo Fischetti

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here