Per il caso del presunto conflitto d’interesse per l’assessore al welfare del Comune di Bari, Francesca Bottalico, si attenderà il parere del Segretario Generale. È quanto deliberato dalla Commissione Trasparenza riunita questa mattina.

A seguito di lunga e approfondita istruttoria della commissione, è emerso infatti che la Bottalico e suoi stretti familiari, hanno rapporti di lavoro con la Fondazione Giovanni Paolo II, destinataria da tempo di ingentissimi finanziamenti comunali (pare circa 2,5 milioni di euro) e da tempo affidataria di servizi sociali in proroga.

“È una condizione piuttosto criticabile e politicamente inopportuna – ha dichiarato Carrieri, Presidente della Commissione Trasparenza -e che il Sindaco deve assolutamente sanare. Come consiglieri di centrodestra avevamo proposto di far esaminare il caso all’Anac. Purtroppo i componenti della commissione del Partito Democratico, hanno ritenuto di interessare del problema solo il Segretario Generale, di cui attendiamo ora il parere”.

Stampa Articolo
Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here