Quando si torna da un viaggio, non resta che ripercorrere lo stesso viaggio attraverso quei ricordi, attimi, scorci e dettagli che ci sono sfuggiti, e che solo una fotografia è capace di restituire. Se poi si tratta di immagini in bianco e nero, allora i ricordi si caricano di suggestioni ed emozioni senza tempo. Proprio come riescono a fare gli scatti realizzati a Parigi dai baresi Vince Fariello e Gennaro Gargiulo, esposti fino al 21 febbraio nella mostra “Regards Monochromes” al Museo Nuova Era. La galleria, attiva da oltre venticinque anni, è situata nella più caratteristica cornice di Bari, il borgo antico.

I luoghi immortalati sono tra i più frequentati della capitale francese, da la Gare del Museo d’Orsay all’ingresso del Centro Pompidou, ma visti dall’obiettivo degli autori appaiono avvolti da una patina, che li rende quasi irriconoscibili. Un reportage che non documenta, ma rapisce le emozioni di certi attimi, congelandoli, nell’attesa di un’azione che si sta per compiere nell’immediato e invece resta sospesa nella quarta dimensione, quella del tempo.

Sono scene urbane, paesaggi, edifici, strade, volti, case, parchi; posti comuni che scorrono e sfuggono dall’altra parte del finestrino di un taxi, in una sequenza rapida e frenetica che sembra non lasciare alcuna traccia. Eppure alcuni di questi frammenti sono catturati dalla nostra memoria visiva; sono gli stessi che si ritrovano quando a casa, terminato il viaggio, si scorrono in rassegna le immagini; è da lì che emergono l’anima e l’essenza di quei dettagli, scorci e luoghi, che si è attraversati senza viverli, ma che solo lo sguardo monocromo e nostalgico di una fotografia in bianco e nero ci permette di possedere, e ricordare.

La mostra è visitabile gratuitamente fino al 21 febbraio dalle 17.30 alle 20.30, tutti i giorni tranne il lunedì e la domenica.

Galleria Museo Nuova Era
Strada dei Gesuiti, 13
70122 Bari

INFO
www.museonuovaera.com
333.44.62.929

Stampa Articolo
Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here