Avrebbero fermato gli elettori per strada, invitandoli con minacce e intimidazioni a votare Natale Mariella, candidato al consiglio regionale nel 2015 nella lista dei “Popolari” e poi non eletto. La Dda di Bari ha chiesto cinque condanne a pene comprese tra i 20 anni e i 12 anni e 8 mesi di reclusione per cinque imputati accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, voto di scambio e coercizione elettorale.

Nel processo, che si sta celebrando con il rito abbreviato dinanzi al gup del Tribunale di Bari Alessandra Susca, i pm Carmelo Rizzo e Federico Perrone Capano hanno chiesto condanne a 20 anni di reclusione per Luigi Guglielmi e Alfredo Sibilla, a 12 anni e 8 mesi per Teodoro Frappampina e Giovanni Martinelli, in continuazione con precedenti condanne per associazione mafiosa. Chiesta una condanna a 18 anni di carcere, invece, per Carlo Giurano, accusato solo di associazione mafiosa.

Natale Mariella è indagato in un procedimento separato insieme ad altre cinque persone. Il processo perseguirà il 27 marzo con le arringhe difensive.

print
Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here