L'ingresso del Porto di Bari.

Nell’ambito delle misure di rafforzamento della vigilanza all’interno della locale area portuale, al fine di contrastare i traffici illeciti in genere, i Finanzieri del Gruppo Bari unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno sottoposto a controllo un autoarticolato turco, appena sbarcato da una motonave proveniente dalla Grecia, trasportante capi di abbigliamento confezionati in Turchia e destinati a un’azienda del salernitano.

L’accurata attività ispettiva consentiva di rilevare, apposte su nr. 343 t-shirt e nr. 331 felpe, le etichette riportanti il marchio registrato della società importatrice e la dicitura “Produzioni italiane”, atte ad indurre in errore il consumatore circa l’origine della merce.

Pertanto, la parte di carico con la fallace indicazione di origine del prodotto (nr. 343 t-shirt e nr. 331 felpe) è stata sottoposta a sequestro amministrativo mentre il responsabile legale della ditta importatrice è stato segnalato alla Camera di Commercio per violazioni all’art. 4 comma 49 bis della Legge 350/2003.

Le sinergie poste in essere tra Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, all’interno dello scalo marittimo barese, sono tese a contrastare un fenomeno dilagante quale l’ingannevole indicazione del paese di origine della merce, con il fine principale di difendere i diritti dei consumatori.

Stampa Articolo
Loading...

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here