Ciao genitori,

non conosco che tipo di coppia siete ma penso che siate animati da buone intenzioni!

Sono sicuro che questi miei pensieri non vi scalfiranno ma voglio provare a spiegare ciò che provo per me e per le migliaia di bimbi come me.

Sono un piccoletto di un anno di vita, vivo e non  so per quanto tempo ancora in una parte del mondo dove morire di fame è normale.

Non so come mi chiamo perché ancora un nome non me l’hanno dato, ma ricordo perfettamente che mia mamma appena nato non mi ha voluto neppure toccare, non mi voleva, non sapeva come farmi crescere.

Io ho solo bisogno di amore, di attenzioni, di carezze e non mi interessa sapere se i miei genitori saranno una coppia omosessuale o eterosessuale, l’importante è che siano una famiglia.

Ho bisogno di una famiglia.

Vi imploro.

Vi chiedo: invece di far procreare altri bambini da donne che poi ve li affideranno chiedete di me.

È più facile, esisto già, e voglio disperatamente vivere.

Un piccolo essere qualunque

Stampa Articolo
Loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO