Il nuovo, vero direttore della Croce Rossa pugliese si chiama Carlona. Sì, perché all’ente da qualche tempo non riescono molte le ciambelle economiche e col buco al centro. Il direttore regionale, il colonnello Giovanni Rocchi è stato rimosso dal Comitato regionale della Puglia e Molise, ma a tempo indeterminato resta a Bari per il passaggio delle consegne al suo successore, il barese Francesco Palumbo, arrivato in prestito dal Comune di Chieti e quanto pare particolarmente gradito a Ilaria Decimo, eccezionale accumulatrice di incarichi.

Neppure alla Casa Bianca ci vuole tanto tempo per il passaggio delle consegne. La cosa che salta subito agli occhi, però, è il fatto che nella determina dirigenziale di nomina non si faccia alcun cenno a chi avrà il compito di pagare la permanenza barese del romano Rocchi, del quale si potrebbe tranquillamente fare a meno già oggi. La speranza è che la mission di Palumbo non sia la stessa di quella per cui ha fallito il colonnello: eliminare qualche sindacalista o dipendente particolarmente scomodo o amico di quei maledetti stercorari dei giornalisti. I giornalisti che provano a fare chiarezza, mica quelli che ereditano dal compagno il posto a 6.000 euro al mese in Croce Rossa, senza uno straccio di concorso.

Nel caso a qualcuno dovesse venire un coccolone, per eliminare intendiamo mobbizzare, accantonare, demansionare, isolare, ridicolizzare, mica ammazzare. Ma il compito più difficile, che Rocchi non è riuscito a portare a termine è stata l’esautorazione del presidente regionale Santa Fizzarotti Selvaggi.

Per dimostrare di tenere alla Croce Rossa, piuttoso che a ciò che rappresenta l’incarico, Palumbo potrebbe iniziare a chiedere, per esempio alla Corte dei Conti o alla Procura della Repubblica, di controllare le sfuggevoli spese di hotel e ristoranti di Rocchi, l’uomo che, fino a quando non è esploso il caso Decimo-Mannella, usava l’auto di servizio con autista per raggiungere la sede dell’ente dall’hotel in cui alloggiava, distante solo poche centinaia di metri da piazza Mercantile. Saltato in aria Mannella – i cui conti ancora non si sa se alla fine quadravano oppure no – forse dietro oculato suggerimento, il colonnello Rocchi ha messo un freno alla cattiva abitudine dei passaggi brevi, che qualcuno avrebbe persino immortalato.

 

 

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here