Una strategia digitale per il turismo è necessaria in un settore sempre più influenzato dall’impiego delle tecnologie, che non solo hanno riflessi sulla gestione dei servizi e sulla relazione con il turista, ma che possono fortemente influire, se ben utilizzate, sulla crescita dell’economia italiana. È quanto emerso oggi alla Fiera del Levante di Bari nel corso della prima giornata del convegno “Il Turismo Digitale per la valorizzazione dei territori”, organizzato da Stati Generali dell’Innovazione (Sgi) e da Wister (Women for Intelligent and Smart Territories), la rete delle donne che promuove politiche dell’innovazione sensibili alle differenze di genere. Per la loro prima volta in Puglia, Wister e Sgi hanno deciso di riunire per due giorni influencer ed esperti, provenienti da diverse località italiane, per confrontarsi su agenda digitale e case history di successo, capaci di testimoniare l’impatto che il web e i suoi prodotti possono avere sullo sviluppo del turismo. “Impatto che può essere ben compreso – ha spiegato Cristiano Radaelli, commissario straordinario dell’Agenzia Italiana del Turismo – pensando che, a livello italiano, il turismo copre circa l’11 % del Pil dando impiego a 3 milioni di lavoratori. È un vero e proprio motore in grado di aumentare il prodotto interno lordo e creare ulteriore occupazione. Sotto questo aspetto il marketing turistico, anche quello digitale, è un mezzo per arrivare a questo fine, ma anche le modalità delle tecniche di mercato sono importanti ed in Italia si sta cambiando, lasciando la pubblicità generica a favore di un modo molto più aggressivo e competitivo. Stiamo ad esempio mettendo a punto una turist card italiana, una carta dei servizi turistici rivolta agli stranieri e la stiamo sviluppando anche come applicazione per gli smartphone, così da avere riscontro dei gusti dei turisti e permetterci una promozione mirata anche sulle attività future. A livello regionale ci sono realtà, come la Puglia, che si sono mosse con anticipo, determinazione e visione sull’importanza del turismo”.
“Abbiamo riallineato le nostre strategie – ha aggiunto il direttore generale di Pugliapromozione, Giancarlo Piccirillo – guardando al numero impressionante di persone che oggi sceglie le proprie mete di viaggio su internet. Abbiamo capito cosa significa essere presenti sul web: non aprire un portale ma ascoltare la rete, cercare di captare le tendenze della domanda sfruttando gli strumenti tecnologici per recuperare queste informazioni. E soprattutto abbiamo innescato ed alimentare un racconto positivo sulla destinazione, cercando di amplificarne gli effetti”.
“Discutere qui in Puglia del turismo digitale è così l’attestazione – secondo Maria Cristina Terenzio, professionista esperta nell’ambito dell’Event Management e Turismo e digital strategic planner – della capacità della Regione di essere all’avanguardia nella promozione del turismo e del saper presentare la propria offerta così variegata come unico prodotto, del presentarsi come unica destinazione”.
“Discuterne a Bari in occasione della Fiera del Levante ci consente – ha detto Flavia Marzano, ideatrice della rete WISTER e presidente Sgi – di coinvolgere le tante realtà che operano sul territorio e che hanno compreso quanto sia fondamentale saper utilizzare le nuove tecnologie per sfruttare appieno le potenzialità del turismo”.
“Il ruolo della aziende è infatti molto importante – ha detto ancora Maddalena Milone, amministratore unico di Meeting Planner nonché tra le promotrici dell’iniziativa – nel valorizzare il territorio pugliese portandolo sui mercati esteri, come con ‘Apulia2Meet’ il market place dedicato al turismo congressuale in Puglia. Sono molto contenta che le Wister, un movimento che promuove l’innovazione e soprattutto l’impegno delle donne, possa far partire da Bari un grande impulso nel settore turistico”. Un auspicio cui si è aggiunto quello dell’assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, per “creare in Puglia una rete di donne per l’innovazione, che possa contribuire meglio al cambiamento dell’intero sistema economico e sociale, partendo da una rinnovata capacità culturale di generare innovazione oltre che dall’ormai consolidato ruolo della Regione nel incentivare la crescita”. La prima giornata de “Il Turismo Digitale per la valorizzazione dei territori” è stata dedicata al “Big Data e Open Data: un’opportunità per il turismo”. Si sono approfonditi i temi legati alla gestione dati ed all’importanza del feedback e del riuso, all’esigenza di organizzare in maniera pianificata i dati al fine di renderli fruibili senza vincoli tecnologici, alla necessità e possibilità di accedere ai contenuti informativi operando in termini di analisi ed integrazione delle informazioni messe a disposizione attraverso lo strumento web. “Tutti aspetti ed informazioni – ha sottolineato il presidente della Fiera del Levante, Ugo Patroni Griffi – fondamentali per le aziende, a cui anche l’Ente Fiera guarda nell’ispirare la sua attività”. Tantissimi i relatori tecnci e politici che si sono alternati al tavolo dei relatori. Domani, nella giornata conclusiva si parlerà di “Turismo & digitale: nuove professioni o nuove competenze?”. La sessione comincerà coi saluti di Massimo Salomone, presidente della Sezione Turismo di Confindustria Bari e BAT. Giorgio Fontana, della redazione di MediaDuemila, coordinerà gli interventi di: Flavia Marzano, Maria Cristina Terenzio, Maddalena Milone. Seguirà il dibattito con Stefania Boleso, consulente strategica in ambito marketing, Fabrizio Faraco, del FAPI Fondo Formazione PMI, Annalisa Fauzzi, destination maker ed esperta di Fondi europei per Turismo, Cultura ed Ambiente, Margherita Franchetti, direttore responsabile di Event Report, Roberta Longo, social media manager e travel blogger, Viviana Neglia, responsabile comunicazione web & multimedia presso l’agenzia regionale Pugliapromozione, Valentina Novembre, consulente di comunicazione online nell’ambito delle digital PR, Mariella Pappalepore, presidente della Sezione Terzario Innovativo e Comunicazione di Confindustria Bari e BAT, Giancarlo Piccirillo, direttore generale di Pugliapromozione, Emma Pietrafesa, comunicatrice pubblica e membro direttivo degli Stati Generali dell’Innovazione, Emma Taveri, destination maker.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here